Gli eventi di Aprile: Sound of Connection Trio

ERI YAMAMOTO

introduce

SOUNDS of CONNECTION TRIO

ERI YAMAMOTO > piano

GIUSEPPE BASSI > doublebass

ADAM NUSSBAUM > drums

SOUNDS of CONNECTION – Suoni di Connessione – questo il significato racchiuso nel nome del trio jazz e anche della sua musica, suonando brani che si contraddistinguono per acutezza compositiva e per un’interpretazione capace di farsi ascoltare sia per l’originalità timbrica della band sia per i pregevoli contributi dei singoli elementi. Siamo di fronte a un progetto che racconta una storia unica, di grande spontaneità, amore per la ricerca e passione per la dicotomìa tra densità e rarefazione, come un colore estroso, suggestivo ma mai invadente. Il gruppo elabora con maestria un ambiente sonoro che riflette gli ottimi equilibri tra una sezione ritmica vibrante, vigorosa e le complesse strutture armoniche del piano, esprimendo l’autenticità e la forza delle note, andando oltre la staticità dello spartito. Musica che rispecchia tanto il vissuto quanto i natali degli artisti, un dialogo aperto tra Occidente e Oriente, una fusione tra mondi così lontani eppure così vicini alla ricerca del comune terreno in musica, nulla è artefatto perché l’incontro empatico è palpabile a ogni nota. Il Trio racchiude in una sonorità unica l’eleganza e la raffinatezza dello stile permeati di un lirismo molto penetrante regalando emozioni create da un dialogo intenso, tellurico, istoriato dalle perle del tocco carismatico di Eri Yamamoto dal pianismo eccelso e dall’ampia gamma armonica con la sua multiforme personalità artistica.

Eri Yamamoto: pianista nipponica, stabile a New York dal 1995, ha studiato con Reggie Workman, Junior Mance e LeeAnn Ledgerwood nel prestigioso programma jazz della New School University affermandosi come una delle pianiste e compositrici più originali e avvincenti del jazz internazionale. Negli ultimi ventisei anni, Eri ha condiviso la sua musica unica ed evocativa esibendosi su molti palchi prestigiosi negli Stati Uniti, Canada, Europa, Giappone, Africa, Giamaica e Australia dimostrando come sappia annodare le proprie origini, la classica e il miglior jazz della tradizione. Eri ha iniziato a suonare il pianoforte classico all’età di tre anni e le sue prime composizioni quando ne aveva solo otto, ha ricevuto il suo master in educazione e composizione presso l’Università di Shiga, in Giappone, tenendo lezioni private e workshop per tutti gli strumenti a musicisti jazz provenienti da Stati Uniti, Giappone, Europa e Nord Africa confermandosi anche una docente di spessore. Eri ha collaborato e inciso con svariati musicisti creativi e celebri, tra i quali William Parker, Paul McCandless, Daniel Carter, Hamid Drake, Federico Ughi, Yves Leveille ed è presente in diverse registrazioni di William Parker, incluso un CD per piano solo, suonando le composizioni originali di Parker in tutto il mondo.

“Tanto di cappello… ha già trovato la sua voce”.

Di Eri Yamamoto, la leggenda del jazz Herbie Hancock

Giuseppe Bassi, fautore di una ricerca avanzata spesso sconfinante nell’informale, dotato di una notevole duttilità stilistica dal tocco poetico, incisivo, creatore di sfolgoranti arabeschi luminosi, con la sua capacità di tenere insieme un amalgama così energico e nello stesso tempo raffinato. E’ Il contrabbassista italiano più impegnato a livello internazionale molto

richiesto dai musicisti di fama mondiale, ha suonato infatti con John Hicks, Bill Mays, Mal Waldron, David Liebman, Greg Osby, Lew Tabackin, Bobby Durham, Tony Scott, Enrico Rava, Enrico Pieranunzi, George Garzone, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Stefano Bollani, impossibile elencare il numero delle collaborazioni artistiche.

“Eccellente e originale nel panorama jazz Internazionale”

Enciclopedia Intarnazionale del Jazz – Penguin

Ha vissuto e operato negli USA e ha inciso 10 CD a suo nome e oltre 40 dischi ne documentano il suo percorso artistico. Il suo lavoro più importante documentato dal film YOMIGAERU, presentato per ARIGAMO/ARIGATO 2021, è con certezza assoluta “ATOMIC BASS”, un disco che raccoglie le musiche composte ad Odaka, e nel Tohoku, la regione giapponese colpita dallo tsunami del 2011, oggi ancora in grande pericolo tsunami e radiazioni per lo scoppio della centrale di Fukushima. YOMIGAERU è in selezione al Berlinale – Festival Internazionale del Film di Berlino.

Giuseppe Bassi

Adam Nussbaum è considerato un batterista versatile di altissimo livello internazionale, dotato di una grande capacità di ascolto e prodigo di scomposizioni e costruzioni poliritmiche, ha la capacità di affascinare per il suo equilibrio di suoni complementari coniugando perfettamente la delicata armonia e il raffinato senso del ritmo. È nato a New York e ha iniziato a suonare la batteria all’età di 12 anni dopo aver studiato pianoforte per cinque anni e da adolescente ha suonato anche il basso e il sassofono. Nel 1975 ha frequentato il Davis Center for Performing Arts al City College. E’ protagonista in molti progetti con artisti (solo per citarne alcuni) quali Michael & Randy Brecker, Jaco Pastorius, Eliane Elias, Gil Evans, Sonny Rollins, Stan Getz, Bob Berg, James Moody, Tom Harrell, John Scofield, Dave Liebman, Steve Swallow, Joe Sample,Carla Bley, Mike Stern, Art Farmer, Jerry Bergonzi, Slide Hampton, ‘Toots’ Thielemans, Kenny Wheeler, John Abercrombie, Hank Jones e ha partecipato a centinaia di registrazioni, inclusa la vincitrice di un Grammy “Don’t Try This At Home” registrata con Michael Brecker. Inoltre, Nussbaum è un docente molto richiesto che tiene Clinics e Master Classes, insegnando in istituzioni come Berklee, NYU, State University of New York, New School e numerosi Conservatori in tutto il mondo. Le sue capacità gli consentono di lavorare con i migliori produttori di tutto ciò che riguarda la batteria, infatti ha aiutato a progettare una linea nella serie “HiLite” per la Sonor, per la Zildjian ha contribuito allo sviluppo dei piatti”Renaissance” e “Pre-Aged” K. Zildjian oltre ad aver coprodotto con la Hudson Music “The Art of Playing Brushes”.

Il Trio suonerà prossimamente al Jazz Club di Potenza il 7 Aprile 2022.
Info e Prenotazioni QUI

close

Hey, ciao 👋 Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere tutte le novità del Jazz Club nella tua casella di posta.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: